La malnutrizione del paziente oncologico - sia al momento della diagnosi sia nella fase terapeutica è l’aspetto più preoccupante, poiché sottintende una sottovalutazione del problema anche da parte degli specialisti. E’ uno dei temi di cui più dibattono gli oncologi da un paio d’anni a questa parte. Questo perché, noti ormai i protocolli terapeutici più efficaci, l’obiettivo è fare in modo di preparare il terreno nel migliore dei modi e contribuire, anche attraverso scelte collaterali, all’ottenimento della migliore risposta da parte del paziente.

La regola di 11 minuti per perdere peso


La corsa è uno sport che non richiede molti strumenti: bastano un paio di buone scarpe da corsa, un po’ di impegno e costanza e il gioco è fatto. È importante rispettare il tempo di corsa per dimagrire velocemente: deve essere sempre superiore ai 20 minuti per avere i primi effetti dimagranti, anche se l’ideale sarebbe correre almeno 30-40 minuti per 3 volte a settimana.


Anche se le “diete alla moda” offrono una soluzione rapida, esse sono spesso malsane e privano il corpo dei nutrienti e delle calorie di cui ha bisogno, portando la maggior parte delle persone a tornare ad abitudini tutt’altro che salutari dopo aver raggiunto il peso desiderato. Sono sconsigliate le diete fai da te, per dimagrire in modo sano dovete rivolgervi ad un dietologo.
È possibile anche accelerare il metabolismo con rimedi naturali. Integratori, erbe, tisane e infusi sono infatti altri modi efficaci per agevolare il dimagrimento, in quanto contribuiscono a "risvegliare" un metabolismo un po' troppo lento. Sono molti gli integratori e i preparati erboristici adatti a questo scopo: tra i prodotti più efficaci per velocizzare il metabolismo si citano il ginseng, il licopodio e il fucus agar agar, un'alga tipica dell'area atlantica molto usata nell'omeopatia.
Si tratta di un programma messo a punto dalla Tarchini e dal suo staff che consente di perdere dai 4 ai 6 chili in soli 28 giorni, una dieta veloce e personalizzata da seguire attraverso un percorso a video e da stampare giornalmente, con la consapevolezza di essere guidati costantemente da una grande esperta del settore per il raggiungimento del proprio obiettivo peso.
Il metodo per perdere questi Kg in soli 28 giorni include una dieta personalizzata, 1 video al giorno per l’intero periodo, 2 percorsi alimentari, più di 300 ricette deliziose, sane e dietetiche, accesso all’area fitness e 10 videoricette ideate dal grande Chef Paolo Rota del Ristorante 3 stelle Michelin “Da Vittorio”, per scoprire come rendere più gustosi anche piatti “Diet”.
L’alimentazione ricopre un ruolo molto importante per la salute dell’uomo e in particolar modo per tutti coloro che praticano un’attività sportiva costante. E’ importante sapere che seguire una corretta e bilanciata alimentazione e praticare una moderata attività fisica è considerato da molti medici ed esperti un elisir di lunga vita, quindi non devono essere dei metodi per perdere peso ma devono diventare un vero e proprio stile di vita. Le persone che praticano un’attività fisica, come gli iscritti allo sporting club parco de medici, hanno bisogno di un fabbisogno calorico e nutrizionale maggiore rispetto a coloro che non lo fanno, la dieta dello sportivo deve essere considerata una parte integrante e fondamentale dell’allenamento. Di seguito sono illustrate alcune ricette di succhi di frutta ideali per gli sportivi, che hanno poteri anti-infiammatori e aiutano il regolare recupero muscolare, molto gustose e semplici da realizzare.

Trova un tipo di esercizio fisico che ti piaccia – purché non sia un'incombenza. Non privarti di nulla, semplicemente controllati. Bevi il tè verde dolcificato con il miele per accelerare il metabolismo. Mangia lentamente e con tranquillità, masticando e assaporando ogni boccone. Dopo i pasti, lavati i denti o metti in bocca una gomma da masticare per evitare di voler mangiare ancora.
Social conditions such as poverty, social isolation and inability to get or prepare preferred foods can cause unintentional weight loss, and this may be particularly common in older people.[43] Nutrient intake can also be affected by culture, family and belief systems.[28] Ill-fitting dentures and other dental or oral health problems can also affect adequacy of nutrition.[28]
Vanno controllati i parametri vitali alla ricerca di febbre, tachicardia, tachipnea e ipotensione. Si misura il peso e viene calcolato l'indice di massa corporea (IMC) ( Obesità : Diagnosi). Lo spessore delle pliche cutanee dei tricipiti e la circonferenza del braccio possono essere misurati per stimare la massa magra ( Panoramica sull'iponutrizione : Esame obiettivo). L'indice di massa corporea e la stima della massa magra sono utili soprattutto per rilevare una tendenza nelle visite di follow-up.
Pesati tutti i giorni e, dopo una settimana, fai la media dei valori rilevati. Concentrati sul creare un trend costante di diminuzione del peso, anziché provare a perdere un determinato numero di chili a settimana. In alcune settimane, per ragioni che non hanno niente a che vedere con la tua dieta, potresti acquisire peso, soprattutto se sei una donna (dovuto alla ritenzione idrica causata dal ciclo mestruale).[20]

Ovviamente il consumo d’acqua deve essere adeguato al proprio stile di vita, quindi se fate un lavoro sedentario e non fate sport potete comunque bere 3 o 4 litri di acqua al giorno, magari aumentandola gradualmente e non tutta insieme dall’oggi al domani.  Se invece fate molto sport, camminate molto, fate una vita impegnativa e movimentata, magari andando in bicicletta al lavoro, allora potete bere anche 5 o 6 litri d’acqua al giorno senza problemi.

Il mistero nascosto dietro la perdita di peso


Dieta ferrea? – Conviene prediligere una dieta non troppo ferrea per un periodo di tempo più lungo, piuttosto che una dieta molto restrittiva per breve tempo, che avrebbe come conseguenza l’abbassamento del metabolismo basale. Il corpo, se messo troppo alle strette, diminuisce le calorie bruciate dalla prima componente e come risultato una parte della dieta è vanificata. Lo stesso vale per chi decide di digiunare o saltare i pasti: sono strategie che in pochi giorni sono annullate dai meccanismi di autodifesa e compensazione del corpo umano. Lo scopo infatti è aumentare il metabolismo basale, non diminuirlo. Per far questo si possono aggiungere esercizi di potenziamento muscolare al proprio allenamento, che innalzano il metabolismo basale perché aumentano la massa muscolare.
Invece, ecco che è piombato all'improvviso quell'invito irrinunciabile, che sia un party esclusivo, una festa in cui c'è proprio quel tipo che ci incuriosisce o un invito all'ultimo momento di una cara amica che non vediamo da anni, il risultato finale è sempre uno: quei rotolini in più sul girovita che avevamo deciso di ignorare, tornano a fare capolino prepotentemente e ci ritroviamo sempre con lo stesso obbiettivo, perdere peso in poco tempo. Anzi, peggio ancora, questa volta abbiamo bisogno di una dieta lampo, un rimedio rapido sulla scia del famoso detto 7 kg in 7 giorni, una dieta veloce ed efficace che, però, non ci rovini la salute.
In autunno è facile ritrovarsi con qualche chilo di troppo: le giornate più corte agiscono sull’umore spingendo a cercare gratificazione nel cibo, il tempo piovoso tiene in casa chi prima faceva sport all’aperto, il freddo favorisce la scelta di alimenti più calorici. Se non si inverte la rotta, dopo Natale sarà ancora più difficile ritrovare il peso salutare. Per non dover ricorrere a diete drastiche e dannose si possono introdurre questi piccoli cambiamenti, facilmente realizzabili
Nel nuovo studio, c’è un punto in cui il consumo calorico giornaliero diventa indipendente dall’esercizio. Pontzer lo riferisce equivalente a una camminata di circa 3,5 km al giorno. Church ha fatto però notare che lo studio sembra includere pochi partecipanti con livelli di esercizio molto superiori a questo livello. Tirare conclusioni certe diventa dunque difficile. In più, il consumo dell’americano tipico casca ben lontano da dove lo studio registra l’equilibrio del consumo calorico.

L'articolo più incredibile sulla perdita di peso che avrai mai letto


Tizio pesa 70 kg con una percentuale di grasso del 10%, quindi tizio ha 7 kg di massa grassa e 63 kg di massa magra. Tizio segue una dieta ipocalorica e arriva a 66 kg, dato che Tizio ha fatto le cose fatte bene, la massa magra non è diminuita, e la perdita di peso è costituita solamente dalla perdita di tessuto adiposo. Tizio quindi ha perso 4 kg di grasso.
L'anamnesi patologica remota può rivelare una malattia in grado di causare la perdita di peso. Deve essere affrontato anche l'uso di farmaci, prodotti da banco e da erboristeria, droghe. La storia sociale può rivelare cambiamenti nelle situazioni di vita che potrebbero spiegare il motivo per cui l'assunzione di cibo è diminuita (p.es., perdita della persona amata, perdita di indipendenza o del lavoro, perdita della comune routine nel mangiare).
Inoltre per quanto riguarda quest’ultimo caso di dimagrimento non ho fatto riferimento al tempo. Nel senso che Tizio avrebbe potuto ottenere il risultato che ha ottenuto prima aumentando la massa magra e poi in un secondo momento diminuendo quella grassa, oppure farlo contemporaneamente. Si, è possibile costruire muscoli e perdere grasso nella stessa giornata. Sarà il tema di un articolo che pubblicherò a breve.
A differenza di altri metodi per la perdita di peso dove tale perdita è solo temporanea, Capsired è realizzato per darti risultati durevoli. Gli ingredienti naturali sono raccolti dai nostri scienziati per rendere Capsired le più efficaci pillole per la perdita di peso e una soluzione per una veloce perdita dei chili di troppo. Ecco come funziona Capsired:
Scopri quante calorie quotidiane dovresti assumere per riuscire a perdere peso. Il dimagrimento non ruota solo intorno al peso. Più sarai consapevole del numero di calorie presenti in ciò che mangi, più facilmente sarai in grado di assumere il giusto quantitativo di cibo e di eseguire la giusta quantità di esercizio fisico al fine di dimagrire. Sfoglia il tuo diario alimentare e considera ogni voce singolarmente. Tieni un conteggio aggiornato e specifica il numero totale di calorie giornaliere.

Cosa si mangia durante la dieta sarà cruciale, perché se il grasso è immagazzinato nella parte inferiore del corpo. Quando si desidera perdere peso sarà globalmente su tutta la silhouette. Il peso di modo è ridotto nel complesso, ma non solo nelle aree che si desidera lavorare. L’aggiunta di frutta e verdura varia. Scegliere cibo dal quale è possibile beneficiare degli effetti come ad esempio delle fibre che placano lo stomaco (la fame). Le fibre rallentamento la digestione e facilitano il transito. Si consiglia di prendere l’abitudine di sostituire gli amidi con un sacco di verdure che devono occupare metà della necessita giornaliera.
Gli spuntini – La terza componente, quella legata alla trasformazione dei cibi, può essere aumentata mangiando più spesso, ovvero spezzettando (e non aumentando) le calorie assunte quotidianamente in tre pasti principali e qualche spuntino. L’errore tipico che si fa in questo caso è non conteggiare correttamente le calorie e lo spuntino, assunto come alibi per “spezzettare” i pasti diventa invece un’aggiunta di calorie introdotte, con risultati disastrosi.
A soffrirne maggiormente i pazienti colpiti da neoplasie dell’apparato gastrointestinale: stomaco, pancreas, fegato e colon-retto. Ma anche i tumori della testa-collo, del polmone e quelli genitourinari (prostata, vescica, reni) hanno dimostrato di essere in grado di compromettere la dieta dei pazienti. E, di conseguenza, il loro stato nutrizionale.
Il contenuto di questo sito è puramente informativo e in nessun modo può essere inteso come sostitutivo di una consultazione medica con personale specializzato. Invitiamo gli utenti a seguire i consigli di www.melarossa.it solo se sono soggetti fisicamente sani. In presenza di patologie, intolleranze, allergie, ecc suggeriamo vivamente di rivolgersi a un medico. Leggi il Disclaimer
La malnutrizione del paziente oncologico - sia al momento della diagnosi sia nella fase terapeutica è l’aspetto più preoccupante, poiché sottintende una sottovalutazione del problema anche da parte degli specialisti. E’ uno dei temi di cui più dibattono gli oncologi da un paio d’anni a questa parte. Questo perché, noti ormai i protocolli terapeutici più efficaci, l’obiettivo è fare in modo di preparare il terreno nel migliore dei modi e contribuire, anche attraverso scelte collaterali, all’ottenimento della migliore risposta da parte del paziente.

English: Lose Weight, Español: bajar de peso, Deutsch: Abnehmen, Português: Perder Peso, Nederlands: Afvallen, Français: perdre du poids, Русский: сбросить вес, 中文: 减肥, Čeština: Jak zhubnout, Bahasa Indonesia: Menurunkan Berat Badan, 日本語: ダイエット, ไทย: ลดน้ำหนัก, Tiếng Việt: Giảm Cân, हिन्दी: वज़न कम करें (kaise vajan kam kare), 한국어: 체중 감량하는 법, Türkçe: Nasıl Kilo Verilir
E’ bene precisare che al nostro corpo non fa bene perdere i chili velocemente e dovremmo cercare di seguire una sana alimentazione durante tutto l’anno invece di ricorrere ai ripari all’ultimo momento seguendo delle diete drastiche. Una delle migliori alimentazioni che i nutrizionisti da anni consigliano è la dieta mediterranea che permette facilmente di mantenere il proprio peso forma.
Se dovessimo spiegarvi cosa è il grasso viscerale, vi diremmo di immaginare il vostro cuore ‘incartato’ in una pellicola che lo protegge: più questa pellicola (ossia lo strato di grasso viscerale) si appesantisce, più i nostri organi interni, come appunto il cuore, faticheranno a lavorare, perché compressi dall’ingrandirsi della stessa membrana che li dovrebbe proteggere. Quando aumenta infatti il grasso viscerale, la membrana in questione aumenta di volume e di peso, restringendo lo spazio vitale dell’organo che custodisce, degenerando poi in colesterolo.

Sono molte le ragioni per cui potresti voler perdere peso. Se sei obeso o sovrappeso da tanto tempo, potresti essere preoccupato di quali possano essere le ripercussioni sulla tua salute di tutto quel peso extra. L'obesità aumenta il rischio di molti problemi di salute, inclusi diabete, malattie del fegato, malattie della vescica e anche alcuni tipi di cancro.[1] Se invece hai recentemente preso qualche chilo, magari vuoi solo dimagrire quel tanto che basta a farti entrare di nuovo nel tuo vecchio paio di jeans preferito. Qualunque sia il motivo, ci sono delle strategie fondamentali di cui dovresti essere a conoscenza.


In primis, bisogna sottolineare che la necessità di dimagrire in menopausa è legata esclusivamente da esigenze di natura metabolica e salutistica. L’organismo femminile è infatti potenziato e preservato dal flusso ormonale estrogenico, tramite ad es. l’aumento del colesterolo buono, HDL, e il mantenimento della densità ossea e distribuzione ginoide dell’adipe. Entrando in menopausa, la produzione di estrogeni subisce prima numerose fluttuazioni e poi una drastica riduzione; in parallelo anche i livelli di progesterone, un altro ormone femminile connesso alla fertilità, anche se in maniera più lineare, diminuisce sensibilmente. Si può dedurre quindi che l’azione estrogenica, che protegge dalla rarefazione ossea e dalle malattie cardiovascolari, viene compromessa, esponendo così le donne in menopausa al famoso effetto chiamato rebound, o rimbalzo.
I risultati mostrano che le donne che hanno seguito la dieta affermavano più frequentemente di rilevare la riduzione o addirittura la scomparsa dei sintomi vasomotori (Odd Ratio, o OR, pari a 1,14) rispetto al gruppo di controllo. Inoltre, più donne che perdevano almeno 4,5 kg nel primo anno di trattamento, o che perdevano almeno il 10% del peso iniziale, dichiaravano di avere eliminato le vampate di calore, rispetto a coloro che avevano mantenuto il proprio peso (OR=1,23). Tuttavia la scomparsa di fenomeni vasomotori moderati o gravi si verificava solo in caso di calo ponderale elevato (circa 10 kg).
Questo è il primo punto importante da tenere a mente: diete efficaci per perdere peso ci sono ma funzionano al meglio, in generale, per chi è in forte sovrappeso. Se i chili da perdere non sono molti, non ci si può aspettare un calo della bilancia netto e deciso, queste diete drastiche infatti non sempre possono funzionare. Sarebbe molto più opportuno ragionare su una ricomposizione corporea, ossia un modellamento del proprio corpo che vada al di là del peso indicato sulla bilancia.
Lo sapete perché questi non funzionano. Semplice il nostro corpo non ha ancora imparato a digerire questi ingredienti cosi chiamati carboidrati. Significa che non gli sa convertire ottimamente in energia. Il corpo trova più facile convertirlo in grasso. Si quel grasso che tutti odiamo. Ma la cosa più divertente della storia e che mangiando 5 pasti al giorno non diamo tempo al corpo di consumare questi grassi per trasformarli in energia. Ogni volta che mangi metti nuovo grasso nel tuo magazzino. Per esempio nella pancia gambe, braccia,.... Quando dai al tuo corpo il tempo di consumare i grassi accumulati? La domanda sorge: Come dimagrire ? Scopri come dimagrire nel nostro manuale gratuito. Scaricandolo ricevi il gratuito e-book nel quale viene spiegato come dimagrire velocemente naturalmente lasciando al corpo il tempo di andare a prendere i grassi residui restati li per anni. 

Attenzione: questi 9 errori distruggono il tuo peso

×