buon giorno dottore ho 77 anni sono alto 1,80 peso 87 kg tutte le mattine faccio 20 minuti di cyclet non prendo latte a colazione anche se mi piace moltissimo ,prendo una tazza di the verde con fette biscottate o biscotti a meta mattina piu tre noci ed appena alzato prendo sempre un succo di limone tiepido mangio parecchia verdura e frutta pero non riesco a scendere di peso gli esami sono tutti regolari colesterolo 154 pressione 80 /120 cosa mi consiglierebbe per perdere di peso grazie.

Più movimento - Anche se non sei molto incline allo sport, devi farne per bruciare un po' di calorie in più. Fai delle pause durante il lavoro per camminare in ufficio, scegli di salire le scale invece di prendere l'ascensore, lascia l'auto ogni giorno un po' più lontano dal lavoro per camminare di più. Con questi semplici cambiamenti, potrai bruciare calorie in eccesso.

Impara a non usare il cibo come una ricompensa. Quando raggiungi una meta intermedia, nella dieta o nell'esercizio, premiati con qualcosa di differente. Vai a vedere una partita con un amico, concediti una manicure, un massaggio o una serata al cinema. Allo stesso modo, una volta conseguiti i traguardi maggiori, come perdere un certo numero di chili entro una certa data, regalati qualcosa che desideri, come quella nuova maglietta che ammiri da tempo in vetrina.
Tizio pesa 70 kg con una percentuale di massa grassa del 10%, quindi ha 7 kg di massa grassa e 63 kg di massa magra. Tizio va in palestra e dopo 4 mesi arriva a 74 kg, si è allenato e ha mangiato correttamente, pertanto è riuscito a costruire 4 kg di muscoli. Ora Tizio ha 67 kg di massa magra e 7 kg di massa grassa. Ovvero il 9,45% di massa grassa e il 90,55% di massa magra. La percentuale di massa grassa è passata dal 10% al 9,45%.
Il glucomannano non è una vera e propria erba, bensì una fibra solubile ricavata da una pianta originaria del Giappone: il Konjac. Numerosi studi condotti sul glucomannano suggeriscono che può ridurre notevolmente l’appetito. Ma non solo. È anche un potente agente di riduzione del colesterolo e dei trigliceridi. Alcune persone potrebbero tuttavia non tollerare le fibre di tale alimento. In questo caso può essere sostituito altrettanto bene con i semi di psillo, dalle analoghe virtù.

La soluzione definitiva per la perdita di peso che puoi conoscere oggi


Quando si vuole dimagrire velocemente è necessario mangiare cibi sani come abbiamo già detto, in maniera regolare ed intelligente, in modo da regolarizzare tutto il nostro organismo. Per esempio è essenziale non sentire la fame, quindi mangiate 5 volte al giorno ripartendo le calorie ed i carboidrati soprattutto al mattino ed la pranzo, mentre riduceteli verso la sera e soprattutto alla cena. Evitate di mangiare dopo le 21 o le 20 a seconda di quando andate a dormire, e se proprio avete ancora fame durante il giorno optate per un frutto o 4 o 5 mandorle.
Divano, tv, stanchezza dopo una giornata lavorativa: cosa c’è di più rilassante che stuzzicare qualche snack in questa situazione così accattivante? Se però siete convinte di voler perdere peso in poco tempo, questa è una delle abitudini a cui purtroppo dovrete rinunciare il prima possibile! L’ultimo pasto infatti prima di andare a letto dovrà essere consumato almeno 3 ore prima di andare a dormire, tempo necessario che occorre al nostro organismo per digerire tutto quello che abbiamo assimilato durante la giornata: nella notte la digestione si blocca, e tutto quello che il vostro fisico non avrà fatto in tempo a digerire da sveglio, rimarrà lì bloccato fino al giorno dopo.

La perdita di peso può essere il sintomo di un problema di salute quando corrisponde a un dimagrimento di 5 kg o pari al 5% del peso corporeo in meno di 6-12 mesi. Alla base possono esserci problemi come depressione, ansia o stress, un tumore, un'infezione cronica come quella da HIV, una malattia cronica (come la BPCO o il Parkinson), l'assunzione di farmaci (ad esempio chemioterapici o medicinali per problemi alla tiroide), l'abuso di droghe o di lassativi, problemi digestivi cronici o infezioni intestinali prolungate, disturbi dell'alimentazione, un diabete non diagnosticato o un ipertiroidismo.
Sono stati svolti molti studi sulla validità di questa dieta, ma i risultati non hanno dato esiti certi. Sebbene alcune persone siano disposte a giurare di avere perso 12 chili durante la dieta HCG, molti scienziati in realtà affermano che non c'è nessun riscontro scientifico sugli esiti dell'iniettarsi questo ormone e, in realtà, può persino risultare pericoloso.
Bypass gastrico “Roux en Y”. Il chirurgo usa i punti di sutura per creare una piccola sacca all’interno dello stomaco: in questo modo il paziente si sentirà sazio prima del normale. La sacca viene attaccata alla parte intermedia dell’intestino tenue, quindi il cibo bypassa la parte superiore dell’intestino tenue e lo stomaco, facendo diminuire la quantità di calorie e sostanze nutritive assorbite dall’organismo.
Se la dieta del Supermetabolismo, ideata sempre da Haylie Pomroy, si basava su alimenti scelti in base al loro contenuto di micronutrienti o al loro indice glicemico per riabilitare un metabolismo sopito in 28 giorni, la Dieta Turbo prevede una combinazione di cibi, erbe, infusi e spezie individuati per il loro indice termogenico in grado di trasformare il cibo in energia.

La perdita di peso in basso esposta


Prima e dopo lo sport – Ciò che si fa oltre la dieta e la corsa assume particolare importanza. La quantità di calorie bruciate giornalmente si divide in tre componenti: le calorie necessarie per il metabolismo basale (quelle necessarie per mantenere le funzionalità del corpo), in percentuale dal 60 al 75%, quelle perse per effetto dell’attività fisica compiuta (allenamento, ma anche attività quotidiane come lavare la macchina o il cane), in percentuale dal 20 al 30%, e infine le calorie necessarie per la digestione del cibo e la sua trasformazione in energia (dal 5 al 10%). Per dimagrire occorre bruciare più calorie in tutte e tre le componenti. Esistono quindi degli errori da evitare e accorgimenti da adottare per raggiungere lo scopo. Nel già citato articolo su sport e dimagramento abbiamo stabilito che:
Bendaggio gastrico laparoscopico. Intorno alla parte superiore dello stomaco è collocato un bendaggio che va a creare una piccola sacca e restringe il passaggio verso il resto dello stomaco. In questo modo la quantità di cibo che il paziente può assumere si riduce. Il diametro del bendaggio può essere modificato e il chirurgo può rimuovere il bendaggio in caso di necessità.
Ma prima che ti spieghi meglio questo trattamento, lascia che ti dica perché non sei riuscito finora ad avere successo nel tuo obiettivo di perdere peso, nonostante tutti i tuoi seri e convinti sforzi. Gli studi indicano che l’obesità è dovuta al “gene che comporta l’accumulo di grasso” e quindi, se l’effetto del gene non viene annullato, non ci può essere una perdita di peso permanente… indipendentemente da quanto ci provi, e c’è un motivo!
Questo sito utilizza cookie di profilazione, anche di terze parti, al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze dell’utente. Per conoscere la nostra policy o negare il consenso al loro utilizzo clicca qui. Continuando la navigazione tramite l’accesso a qualunque elemento sovrastante o chiudendo il banner acconsenti all’uso dei cookie.
NB. Gli effetti di ogni prodotto possono variare da persona a persona e vengono intesi all'interno di una dieta bilanciata abbinata ad uno stile di vita sano e corretto. In presenza di patologie o assunzione di farmaci consultare il proprio medico di riferimento prima assumere integratori di qualsiasi genere. Donne in gravidanza ed in stato di allattamento dovrebbe chiedere conferma al proprio medico di riferimento prima di assumere integratori.
Ma è anche essenziale prendersi cura di ciò che mangiamo. Il riposo e altre abitudini di vita, unite alla dieta e allenamento saranno un metodo sicuro per ottenere di più. Cosi saranno visibili migliori risultati per dimagrire velocemente la pancia gambe e glutei. Allo stesso tempo si sta attenti alla salute del corpo , come è stato dimostrato in un’indagine.
Il sedano è ricco di iodio e di fibre. Se mangiato crudo è più diuretico mentre cotto è più lassativo, però l’effetto stimolante sulla tiroide rimane identico. Il consiglio è di consumare circa 150 gr di sedano non più di 4 volte alla settimana per evitare di incorrere in colite. Potete abbinarlo a crema tiepida di sedano, pesce al vapore e frutti di bosco.

Lo zenzero gode di molta fama da alcuni anni a questa parte. E non a torto: è ricchissimo di virtù antinfiammatorie e, secondo una ricerca condotta dall’Institute of Human Nutrition della Columbia University, aiuta anche a perdere peso. Potenzia il lavoro di smaltimento delle tossine, migliora la digestione e, in più, diminuisce lo stimolo della fame. Insomma, una vera e propria panacea per le persone che cercano di perdere peso.

Divano, tv, stanchezza dopo una giornata lavorativa: cosa c’è di più rilassante che stuzzicare qualche snack in questa situazione così accattivante? Se però siete convinte di voler perdere peso in poco tempo, questa è una delle abitudini a cui purtroppo dovrete rinunciare il prima possibile! L’ultimo pasto infatti prima di andare a letto dovrà essere consumato almeno 3 ore prima di andare a dormire, tempo necessario che occorre al nostro organismo per digerire tutto quello che abbiamo assimilato durante la giornata: nella notte la digestione si blocca, e tutto quello che il vostro fisico non avrà fatto in tempo a digerire da sveglio, rimarrà lì bloccato fino al giorno dopo.


Inoltre per quanto riguarda quest’ultimo caso di dimagrimento non ho fatto riferimento al tempo. Nel senso che Tizio avrebbe potuto ottenere il risultato che ha ottenuto prima aumentando la massa magra e poi in un secondo momento diminuendo quella grassa, oppure farlo contemporaneamente. Si, è possibile costruire muscoli e perdere grasso nella stessa giornata. Sarà il tema di un articolo che pubblicherò a breve.
×