La malnutrizione del paziente oncologico - sia al momento della diagnosi sia nella fase terapeutica è l’aspetto più preoccupante, poiché sottintende una sottovalutazione del problema anche da parte degli specialisti. E’ uno dei temi di cui più dibattono gli oncologi da un paio d’anni a questa parte. Questo perché, noti ormai i protocolli terapeutici più efficaci, l’obiettivo è fare in modo di preparare il terreno nel migliore dei modi e contribuire, anche attraverso scelte collaterali, all’ottenimento della migliore risposta da parte del paziente.

La massa magra invece è composta sia dalla parte muscolare del nostro corpo, ma anche da altri elementi come: organi interni, pelle, capelli, unghie. Dovete immaginare la massa magra come un grande forno di cui il nostro corpo è dotato: tanto più il nostro forno sarà grande, tanto più legna (ossia la massa grassa) potrà bruciare. Per questo massa grassa e massa magra sono strettamente correlate tra di loro, perché dalla magra dipende l’aumento o la diminuzione della grassa. E’ grazie alla massa magra che il nostro organismo riesce a bruciare il grasso in eccesso che noi gli abbiamo somministrato, influendo in modo vitale sul metabolismo basale di ognuno di noi. Il metabolismo basale non sono altro che le calorie che ognuno di noi riesce a bruciare a riposo: maggiore sarà la nostra massa magra, più calorie riusciremo a bruciare, più grasso perderemo.


Alla riduzione del peso corporeo del neonato contribuisce poi una perdita di liquidi e di altro materiale con le urine e con il meconio (una sostanza contenuta presente nell’intestino del bambino, dal colore bruno-verdastro e costituita da materiale fecale, cellule epiteliali intestinali desquamatesi e liquido amniotico ingerito nel corso della vita pre-natale); nei primi giorni di vita tali perdite non vengono compensate dall’assunzione di liquidi fatta tramite l’allattamento.
In multivariate-adjusted analyses, with simultaneous adjustment for the intervention and weight change, assignment to the dietary intervention versus the control arm was significantly (odds ratio [OR], 1.14; 95% CI, 1.01-1.28) related to a higher likelihood of symptom elimination among women with VMS at baseline. In addition, women with symptoms at baseline who lost 10 lb or more (OR, 1.23; 95% CI, 1.05-1.46) or lost 10% or more of their baseline body weight (OR, 1.56; 95% CI, 1.21-2.02) between baseline and year 1 were significantly more likely to eliminate VMS compared with those who maintained weight. Upon examining the joint effect of the dietary modification and weight loss, compared with women in the control arm who maintained weight, women who lost substantial weight (≥10%) as a part of the intervention (OR, 1.89; 95% CI, 1.39-2.57) but not as part of the control arm (OR, 1.40; 95% CI, 0.92-2.13) were significantly more likely to end VMS, although these two groups did not differ significantly from each other. Large weight loss (>22 lb), but not dietary changes, was related to the elimination of moderate/severe VMS.
Divano, tv, stanchezza dopo una giornata lavorativa: cosa c’è di più rilassante che stuzzicare qualche snack in questa situazione così accattivante? Se però siete convinte di voler perdere peso in poco tempo, questa è una delle abitudini a cui purtroppo dovrete rinunciare il prima possibile! L’ultimo pasto infatti prima di andare a letto dovrà essere consumato almeno 3 ore prima di andare a dormire, tempo necessario che occorre al nostro organismo per digerire tutto quello che abbiamo assimilato durante la giornata: nella notte la digestione si blocca, e tutto quello che il vostro fisico non avrà fatto in tempo a digerire da sveglio, rimarrà lì bloccato fino al giorno dopo.
La corsa è un allenamento completo, ma altre attività possono anche aiutare a perdere peso in modo sano. Mi sono data alla ricerca di varie alternative alla jogging perché io davvero non amo correre. Chi corre deve amarlo, ma al mio caso non entra tra le mie attività fisiche preferite. Nemmeno a scuola amavo correre, anzi le corte distanze andavano mene. Fare quei 100m senza problemi, ma correre costantemente più di un chilometro una tortura in terrena. Vedremo in seguito le alternative semplici per iniziare a muoversi. 
Le uova sono perfette per dimagrire perché sono ricche di proteine di qualità che vengono metabolizzate dall’organismo producendo poche scorie azotate, senza quindi far affaticare i reni per smaltirle. La cottura ideale è alla coque poiché meno cuoce, più aiuta a dimagrire. Si possono mangiare fino a 3-4 uova alla settimana se non avete problemi di colesterolo alto. Potete abbinare le uova agli asparagi e al melone, che favorisce la stimolazione della tiroide e la diuresi.
Nel nuovo studio, c’è un punto in cui il consumo calorico giornaliero diventa indipendente dall’esercizio. Pontzer lo riferisce equivalente a una camminata di circa 3,5 km al giorno. Church ha fatto però notare che lo studio sembra includere pochi partecipanti con livelli di esercizio molto superiori a questo livello. Tirare conclusioni certe diventa dunque difficile. In più, il consumo dell’americano tipico casca ben lontano da dove lo studio registra l’equilibrio del consumo calorico.
Smetti di mangiare almeno un'ora prima del sonno e bevi acqua in abbondanza (circa 3 bicchieri prima di addormentarti e 3 bicchieri al risveglio). Sarai costretto a visitare spesso il bagno, ma espellerai ciò che il tuo corpo considera superfluo. Fai un po' di esercizio fisico e, se possiedi un contapassi, cammina per almeno 5000 passi ogni giorno.
Senza parlare, poi, dell'attività fisica che viene consigliata durante le diete ipocaloriche. Vi impongono una moderata attività aerobica (una cammina al massimo) altrimenti non perdete peso sulla bilancia. Tutte le volte che si consiglia di fare un po' di attività con i pesi si risponde che la finalità è quella di perdere peso e non di mettere muscoli, ma questa affermazione, come vedrete, lascerà il tempo che trova.
Cara Laura, dimagrire velocemente non è “non consigliabile” come dici tu, è semplicemente impossibile! L’organo adiposo (cioè il grasso) ha una regolazione metabolica neuro-ormonale talmente complessa che non provo neanche a spiegartela in questa sede. Velocemente puoi buttare via solamente un eventuale eccesso di acqua che però deve essere prima verificato con una visita ed un esame bio/impedenziometrico. Per quanto riguarda  frutta e verdura: non è mai troppa! Sono i grassi ad avere il maggior contenuto calorico, esattamente il doppio rispetto a carboidrati e proteine,quindi inizia a concentrarti sul contenuto in grassi della tua alimentazione (condimenti, insaccati, formaggi, grasso visibile di prosciutto e carni, etc.) per ridurli il più possibile.  

Se vai a correre dopo il corpo richiederà energia. Dopo uno sforzo fisico lo sappiamo tutti che il corpo necessita di energia. E di solito dopo aver fatto una corsa altro che un pasto sano andiamo mangiare. Anzi ci prendiamo la prima cosa che capita sotto mano. Essendo stanchi dopo la corsa lunga e difficile avere voglia di cucinare. Quella fame assurda che ci viene dopo l'esercizio fisico e l'affaticamento non aiutano a perdere peso a via delle nostre abitudini. Anzi lo fanno aumentare.
Come vedete è possibile dimagrire anche se il peso rimane costante. Tuttavia per dimagrire aumentando la massa muscolare e diminuendo quella grassa non per forza il peso deve rimanere costante! Ovviamente se in valore assoluto l’aumento del peso a carico della massa magra è superiore alla diminuzione della massa grassa il peso aumenta, se invece l’aumento del peso a carico della massa magra è (in valore assoluto) inferiore alla diminuzione della massa grassa il peso diminuisce.

Il principio della Dieta Turbo è fare in modo che il nostro corpo cambi (in meglio) attraverso il cibo. Perché spesso, la soluzione per dimagrire non è limitarsi a mangiare di meno. «Quando non si riesce a perdere peso c’è sempre un motivo di fondo», spiega Pomroy. «Il nostro corpo è un laboratorio fantastico e complesso di reazioni biochimiche. Basta che una piccola cosa vada storta per impantanarsi. Forse si tratta di infiammazione o di ritenzione idrica. Forse è un problema digestivo. O magari sono gli ormoni. In ogni caso, non ha nulla a che vedere con la forza di volontà. Il vostro corpo vuole essere snello, sano, forte e pieno di energia. Se non lo è significa che qualcosa nel sistema non funziona più come dovrebbe, che qualcosa si è bloccato», specifica la dottoressa delle celeb nel suo libro.
La dieta dei 17 giorni, è il frutto del lavoro di anni del Dott. Mike: ascoltando  attentamente i suoi pazienti il dott. Mike è stato in grado di proporre un suo proprio modello alimentare, frutto di una profonda conoscenza delle problematiche legate all’obesità. Il dott. Mike Moreno ha ideato infatti uno speciale programma che ha chiamato “Walk With Your Doc”, ovvero “Cammina con il tuo dottore”, che prevede, due volte alla settimana, una passeggiata con i suoi pazienti; scopo del programma è soprattutto quello di motivare i suoi clienti a fare esercizio fisico in modo da rendere maggiormente efficace il programma alimentare che propone.

Da dove cominciare con la perdita di peso?


Il libro a mio personale giudizio va acquistato da persone con una corporatura media che hanno qualche kg di troppo e che vogliono giusto eliminare qualche maniglia dell'amore e quella pancetta spuntata dopo un periodo di ingordigia e vita sedentaria (che, comunque sia, non e' mai da vedere come un problema....e lo dico soprattutto alle gentili signorine.... Qualche kiletto in più sta sempre bene)....insomma... Se proprio arrivati alla prova costume non vi sentite a proprio agio potrete seguire questa dieta e questi consigli.
Ci sono molte altre cause improvvise di perdita di peso negli uomini. Tra questi uomini che sono in chemioterapia. Uno degli effetti collaterali della chemioterapia e radioterapia è che una persona perde l'appetito. Questo può anche essere dovuto al fatto cibi familiari tendono ad assaggiare diverse o le persone tendono a sviluppare un gusto metallico in bocca. I pazienti affetti da ulcera allo stomaco, depressione, alcolismo cronico, diabete e disturbi alimentari può anche mostrare sintomi di perdita di peso improvvisa.
CARNE, PESCE E UOVA: Meglio evitare di abbinare proteine di diverso genere dal momento che hanno tempi e processi di digestione diversi e quindi si rischia di rallentare la digestione e il metabolismo degli alimenti, oltre che al manifestarsi di gonfiore addominale. Il carico proteico poi risulta eccessivo. No dunque agli abbinamenti carne-pesce, carne-uova, pesce-uova, carne-pesce-uova. In particolare va evitato l’accostamento salumi-uova perché oltre a quanto precedentemente detto è inoltre molto pesante da digerire e rischioso dal punto di vista del colesterolo. Non solo, gli insaccati contengono sodio che favorisce cellulite e ritenzione idrica.
A differenza di altri metodi per la perdita di peso dove tale perdita è solo temporanea, Capsired è realizzato per darti risultati durevoli. Gli ingredienti naturali sono raccolti dai nostri scienziati per rendere Capsired le più efficaci pillole per la perdita di peso e una soluzione per una veloce perdita dei chili di troppo. Ecco come funziona Capsired:
Non importa quale sia l'articolo di giornale che ne parla, dimagrire solo in una zona del corpo è un falso mito! Quando l'organismo brucia i grassi, li prende da tutto il corpo, anche se l'unico esercizio che fai sono gli addominali. Nessuna quantità di crunch ti libererà di quel grasso sulla pancia se non fai anche un corretto esercizio aerobico e segui una dieta adeguata! I muscoli addominali non si formano neppure con milioni di sit up; puoi ottenerli solo con bassi livelli di grasso corporeo. Quindi, se questo è il tuo obiettivo, assicurati di fare molto esercizio aerobico oltre alla tua routine di allenamento addominale.
Questo regime è usato solitamente dalle attrici di Hollywood per perdere peso velocemente prima di girare un film. Si tratta solitamente di un lasso di tempo tra 10 e 15 giorni. Si mangia solo frutta per una settimana. I Frutti consigliati sono solitamente esotici, ma tutti i frutti sono consentiti tranne le banane. Si può mangiare quanto si vuole, ma dovrai consumare i frutti in un intervallo di 2 ore ogni volta. Dopo 7 giorni, si può iniziare a mangiare normalmente, ma a seguito di una nutrizione equilibrata.
Recati in una sauna. Le saune possono farti perdere anche mezzo litro di sudore in un quarto d'ora. Sappi comunque che anche in questo caso, come per la maggior parte dei trattamenti rapidi che causano diversi tipi di escrezione, si tratta solo di un modo per eliminare il peso dei fluidi dell'organismo, e dà la sensazione di dimagrire per un giorno o due. Non è un metodo permanente per perdere massa grassa. Assicurati di bere un paio di bicchieri di acqua dopo essere stato in una sauna, per ridurre il rischio di disidratazione.
Prova una dieta ricca di acqua. Questa prevede di bere circa 1,8 l di acqua fredda, a intervalli regolari, nell'arco di tutta la giornata. Dovresti bere un bicchiere d'acqua prima di ogni pasto per ridurre l'appetito. In questo modo impari a limitare, senza troppo sforzo, le porzioni di cibo che consumi a ogni pasto. Bevendo prima di mangiare, ti sentirai sazio prima, contribuendo in tal modo a introdurre meno calorie.

Patologie cardiache e dell’apparato respiratorio – Molte patologie cardiache e dell’apparato respiratorio possono indurre una perdita di peso più o meno marcata; fra le principali si ricordano la broncopneumopatia cronica ostruttiva, fibrosi polmonare, enfisema polmonare, mesotelioma pleurico, tumori della laringe, tumori cardiaci ed endocardite infettiva.
In generale però, qualsiasi tipo di attività fisica, purché regolare e costante, rappresenta un ottimo modo per accelerare il metabolismo e aiutarvi nell'impresa di perdere peso. Quindi lasciatevi guidare da gusti e preferenze nella scelta degli sport e assicuratevi di praticarli con regolarità: niente vi premierà più della costanza e dell'impegno continuo.
La dieta mediterranea è la più completa, varia e salutare ed è per questo che in molti ne consigliano l’adozione come vera e propria abitudine. Vi sono invece dei regimi alimentari molto più rigidi, cui sottoporsi per un paio di settimane, che aiutano a perdere peso in maniera consistente e rapida (tuttavia il rischio di perdere tono muscolare o di riprendere i chili persi è più alto, se non si segue la dieta alla lettera e non la si associa ad un adeguato esercizio fisico): tra queste di certo vanno annoverate la dieta Scarsdale, la Plank, la Dukan e la chetogenica, che ricevono opinioni controverse circa l’equilibrio dei nutrienti e la loro efficacia. Poi ci sono i trend del momento, che si ispirano alle diete seguite dalle star ed hanno caratteristiche ben definite. Qualche esempio? La dieta del gruppo sanguigno, oppure la Paleo Diet, che va a riprendere molti dei cibi di cui si nutriva l’uomo preistorico, carne e pesce in prima istanza.

Sii consapevole del fatto che questa non è una dieta di sola acqua. Le diete di sola acqua possono essere molto pericolose, se vengono seguite per un periodo di tempo troppo lungo. Il corpo ha bisogno di nutrienti per restare in buona salute e mantenere un metabolismo sano. Se bevi solo acqua per più di un paio di giorni, quando poi riprendi a mangiare corri il rischio di aumentare di peso ancora di più, perché il metabolismo avrà rallentato terribilmente.
×